Blog divulgativo sulla matematica applicata

Matematica e Internet of Things

Ultimamente c'è un gran parlare dell' "Internet of Things" (IoT) ovvero della possibilità che gli oggetti della nostra vita quotidiana incomincino ad interagire con noi e fra di loro scambiandosi autonomamente informazioni.

In effetti non sarebbe male pensare ad un futuro in cui avvengano le seguenti cose:

  • il mio frigo mi ordina il latte e le uova che stanno per finire dal mio negozianteIoT sotto casa (preferisco pensare nell'ottica del chilometro zero);
  • la mia sveglia suona 10 minuti dopo poiché sa che c'è meno traffico e mi fa dormire di più;
  • le mie piante non muoiono più a causa di un  impianto di irrigazione "stupido" che offre sempre la stessa quantità di acqua, ma crescono rigogliose grazie a sensori che regolano automaticamente il fabbisogno  di acqua di ogni singola pianta
  • non faccio più nessun tipo di fila nè dal medico nè in banca.
  • mia moglie finisce di farmi osservare che non spengo mai le luci nelle stanze perché queste di spengono da sole.

Secondo alcuni tutto questo si realizzerà a breve. Secondo altri la strada è ancora lontana e chi crede il contrario ha letto un po' troppa fantascienza da adolescente!

Certamente è allettante l'idea di guadagnare grazie a tutto questo del tempo prezioso oer leggere un bel libro, guardarsi una serie TV o passare più tempo con figli e amici.

L'unica certezza è che, anche per realizzare l'IoT, sarà molto importante il ruolo della matematica applicata.  Infatti la mole di dati in circolazione aumenterà notevolmente;  immaginate, infatti, che gran casino se oltre alle persone che si scambiano dati, dovessero iniziare a farlo anche i vasi di un balcone, i frigoriferi della cucina e le scarpe che indossiamo in questo momento.   Si cercheranno di realizzare nuovi algoritmi  per gestire meglio e più velocemente questa mole crescente di dati, per poter fare previsioni automatiche a partire da questi e, quindi,  permettere agli oggetti di decidere senza il nostro apporto (in gergo in modalità unsupervised)  a nostro vantaggio.

Per intuire anche solo vagamente le possibilità che si stanno sperimentando rimandiamo a questa Call of papers della rivista  Journal of Applied Mathematics dove sono delineati alcune delle problematiche emergenti.

Tra qualche anno, poi, vedremo cosa sarà successo veramente!

CC BY-NC-SA 4.0
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.

Similar posts

Nessun commento ancora

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Partecipa all’indagine “Io e la Matematica”

Clicca sull'immagine sottostante per rispondere al breve e anonimo questionario:

MIA15 - Nomination

Conviditi con i tuoi contatti questo link!

Canale Telegram dedicato alla Matematica

Iscriviti sul nostro canale Telegram

MIA15 - Nomination

Rimani aggiornato sui più interessanti articoli di divulgazione matematica e non solo!

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta aggiornato sui nostri post e su quello che facciamo.

Seguici su Twitter

Tag Cloud

Grazie per il sostegno ai #MIA2015

Grazie a tutti per averci votato ai "Macchia Nera Awards 2015" nella categoria "Miglior Sito Tecnico-Divulgativo".

Siamo arrivati in finale grazie al vostro sostegno!

MIA15 - Nomination