Blog divulgativo sulla matematica applicata

Il dilemma del test: le diverse reazioni dell’essere umano e della macchina

Photo by Alex Knight from Pexels

Photo by Alex Knight from Pexels

Alcuni anni fa lavoravo per un gruppo bancario italiano e partecipai a un corso di formazione sulla gestione del tempo e sulla comunicazione in ambito aziendale.

A un certo punto del corso ci proposero un test sull'attenzione e distribuirono a tutti un foglio con queste istruzioni:

Hai 5 minuti per completare il seguente test:

  1. Prima di fare qualsiasi cosa leggi attentamente tutti i punti di questo test
  2. Scrivi il tuo nome nell'angolo a destra in alto del foglio
  3. Cerchia la parola “nome” del punto 2
  4. Disegna 5 piccoli quadratini nell'angolo a sinistra in alto del foglio

Seguivano altre istruzioni numerate di vario tipo come calcoli da eseguire o frasi da pronunciare ad alta voce fino agli ultimi due punti:

22. Pronuncia a voce alta: “Ho quasi terminato e ho eseguito tutte le istruzioni”.

23. Ora che hai terminato di leggere con attenzione tutti i punti di questo test compila solamente l'istruzione numero 2. Resta in silenzio, evitando di fare capire agli altri che hai terminato l'esercizio.

Guardo il foglio e penso “23 punti in così pochi minuti, devo andare come un razzo e non sbagliare nulla visto che è un test sull'attenzione!”

Dopo un paio di minuti che eseguo come un ossesso le azioni (prive di senso) dei vari punti, noto che la collega al mio fianco ha smesso di scrivere e rimane a testa bassa sul suo foglio.

Penso: “È stata maledettamente veloce a finire così in fretta!”. Svolgo ancora un paio di punti e arrivo a metà del test. Alzo lo sguardo e vedo che un po' di persone non stanno facendo nulla.

La collega al mio fianco sorride e capisco che mi sta sfuggendo qualcosa di importante.

Rileggo bene il punto 1, scorro fino al punto 23 e finalmente capisco. Ci sono cascato come un pollo, bisognava solamente scrivere il proprio nome e poi fermarsi. Che figuraccia!

A quel punto scherzo con la collega su quanto sono stato stolto (anche se usai una parola diversa), poso la penna e mi fermo.

Alla fine del test discutiamo dell'importanza di prestare attenzione ai dettagli e di come questa diminuisce quando siamo di fretta.

Durante il dibattito tuttavia mi sorge un dubbio sulle istruzioni del test.

Il punto 1 diceva solamente di leggere gli altri punti, non di eseguirli e durante questa lettura abbiamo dato per scontato che le varie azioni dei punti 2, 3, 4,… non andavano svolte. Perché allora arrivati al punto 23 bisognerebbe eseguirlo e fermarsi?

Il comportamento più razionale mi sembrava adesso quello di svolgere il punto 1 leggendo tutto (ma senza eseguire le istruzioni lette) per poi passare al punto 2 e proseguire nella successione.

Espongo il mio dubbio alla docente del corso la quale rimane un po' perplessa dal ragionamento e lo rifiuta categoricamente: prima ti dice di leggere tutto, poi c'è scritto di fermarsi per cui bisognava fermarsi. Mi sembra che anche i colleghi non siano convinti per cui non insisto, non voglio fare la figura dello svitato (non anche questa volta!).

Sono passati un po' di anni ma ho ancora questo dubbio: come andava eseguito il test? Bisognava annullare tutte le istruzioni ed eseguire solo il punto 2 come viene ordinato nel punto 23 o bisognava eseguire tutte le istruzioni perché il punto 23 in prima istanza era solo da leggere e non da eseguire?

Se immaginiamo di tradurre il test in una sequenza di azioni da far elaborare a un computer potrebbe diventare qualcosa del genere:

Esegui in ordine le azioni contenute in ciascun elemento del seguente elenco numerato

1. Leggi tutto questo elenco numerato.
2. Scrivi il tuo nome nell'angolo in alto a destra del monitor.

22. Usa il sintetizzatore vocale per pronunciare la frase “Ho quasi terminato e ho eseguito tutte le istruzioni.”.
23. Esegui l'istruzione numero 2 e fermati.

Senza dubbio un computer per svolgere il punto 1 leggerebbe gli altri punti senza eseguire le azioni e passerebbe poi al punto 2, 3 e così via. Arrivato al punto 23 eseguirebbe il punto 2 (per la seconda volta!) e poi si fermerebbe.

Si potrebbe obbiettare che il punto 23 non sia stato tradotto in modo corretto rispetto al test ma tutto il resto delle informazioni erano superflue e indirizzate a un ascoltatore umano.

“Ora che hai finito di leggere con attenzione tutti i punti” non è un'istruzione. Tra l'altro si tratta di una affermazione falsa perché fa parte dell'ultimo punto per cui la lettura dei punti non è affatto terminata!

Quando leggiamo un testo o in generale quando comunichiamo tra di noi siamo abituati a interpretare e a completare le informazioni mancanti estrapolandole dal contesto nel quale avviene la comunicazione.

Per questo motivo a volte abbiamo delle difficoltà ad immedesimarci in un automa che deve semplicemente eseguire delle istruzioni. Il comportamento dell'automa dovrebbe essere più semplice da prevedere, eppure, a causa dei significati che tendiamo ad aggiungere alle istruzioni, non è quello che ci viene più naturale.

Se a un robot diciamo “Leggi questo biglietto” e sul biglietto c'è scritto “Fai un salto”, il robot leggerà solamente il biglietto o eseguirà anche l'istruzione che è scritta sul biglietto?

Dipende da come è stato programmato e da quanto “umano” è il suo modo di interpretare gli stimoli esterni. Potrebbe anche essere programmato per chiedere: "Devo eseguire le istruzioni scritte nel biglietto?".

Il diffondersi degli assistenti vocali sta rendendo questi temi sempre più attuali e la loro importanza continuerà ad aumentare nel futuro mano a mano che, grazie ai modelli di intelligenza artificiale, l'interazione uomo-macchina sarà svolta con un linguaggio sempre più simile a quello che usiamo tra esseri umani.

Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirmi anche sul mio blog personale http://degiuli.com/it/.

CC BY-NC-SA 4.0
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.

Similar posts

5 commenti

  1. .mau.'s Gravatar .mau.
    marzo 8, 2020    

    Non vedo il problema. Il punto 1 ti dice di leggere tutte le istruzioni prima di eseguire alcunché. Il punto 23 ti dice «Non importa quello che c'è scritto sopra (la parola "solamente"), fai questo». Una macchina dovrebbe farebbe questo:
    1 - crea una lista FIFO, e completala prima di eseguire le sue operazioni
    2 - Scrivi il tuo nome nell'angolo in alto a destra del monitor.

    22 - Usa il sintetizzatore vocale per pronunciare la frase “Ho quasi terminato e ho eseguito tutte le istruzioni.”.
    23 - Al termine di questa istruzione, cancella la lista FIFO che hai creato; esegui l'istruzione numero 2 e fermati.

    • marzo 8, 2020    

      Il punto è che il linguaggio umano è spesso ambiguo. Quasi tutte le persone, una volta letto bene il testo, dicono che (come dice il punto 23) va svolto solo il punto 2 e nient'altro. Se si interpreta il testo in un modo più simile a come farebbe un computer, le istruzioni vanno eseguite tutte e la numero 2 viene eseguita 2 volte.

      • .mau.'s Gravatar .mau.
        marzo 8, 2020    

        Non vanno eseguite... se hai notato ho scritto "vanno messe in una coda FIFO" :)

        • marzo 8, 2020    

          Come dicevo il linguaggio umano è ambiguo per cui il test potrebbe essere trasformato in diversi programmi. Dal mio punto di vista però, se dovessi eseguire personalmente questa traduzione, il programma alla fine eseguirebbe tutti i punti. C'è un istruzione esterna alla lista che dice di eseguire tutti i punti della lista (collegata alla frase "hai 5 minuti per completare il test). Poi la lista comincia con l'istruzione 1: leggere tutta questa lista (senza eseguire gli elementi della lista). Istruzione 2, scrivere il nome in alto a destra.... Eccetera. L'ambiguità maggiore sta probabilmente nel verbo "leggere". Noi umani quando leggiamo qualcosa immaginiamo di dover fare qualcosa legato a quello che leggiamo. Cosa vuol dire per un computer "leggere" un file di testo? Potrebbe voler dire di memorizzare il contenuto in una variabile o di scorrere i caratteri del file di testo con uno stream. Se volessi far eseguire le azioni contenute in un file di testo dovrei dare un'istruzione diversa del tipo "leggi e interpreta il file di testo come se fossero nuove istruzioni".

  2. Francesco's Gravatar Francesco
    marzo 8, 2020    

    Questo test non ha nessuna valenza come test, come non ha senso chiedere a qualcuno “. Sai che ora è? E” la risposta è solo “ Si” . Se io chiedo qualcosa a qualcuno è perché mi serve una informazione e se uno esegue correttamente il test io non so se è una persona molto intelligente o completamente imbecille, almeno in quel momento, come rispondere Si alla richiesta Sai che ora è?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta aggiornato sui nostri post e su quello che facciamo.

Canale Telegram dedicato alla Matematica

Iscriviti sul nostro canale Telegram

MIA15 - Nomination

Rimani aggiornato sui più interessanti articoli di divulgazione matematica e non solo!

Seguici su Twitter

Tag Cloud

Partecipa all’indagine “Io e la Matematica”

Clicca sull'immagine sottostante per rispondere al breve e anonimo questionario:

MIA15 - Nomination

Conviditi con i tuoi contatti questo link!

Grazie per il sostegno ai #MIA2015

Grazie a tutti per averci votato ai "Macchia Nera Awards 2015" nella categoria "Miglior Sito Tecnico-Divulgativo".

Siamo arrivati in finale grazie al vostro sostegno!

MIA15 - Nomination